Glossario dei termini tecnici

Lettera A

Acquedottoacquedotto
il complesso delle opere adibite alla raccolta e distribuzione di acqua potabile o destinata a usi domestici, agricoli, industriali.

Additivo
sostanza naturale o artificiale che, aggiunta in quantità calcolate e predefinite, conferisce particolari caratteristiche, quali ad esempio aspetto, durata, rendimento, conservabilità, durezza, elasticità, malleabilità, volume, oppure elimina o riduce taluni suoi difetti, prima, durante e dopo l'applicazione.

Antisdrucciolevole (Antiscivolo)
che limita o impedisce il pericolo di scivolare o di slittare.

Antistatico
prodotto o procedimento che ostacola o impedisce l'accumularsi di elettricità statica su materiali dielettrici quando vengono sottoposti a sfregamento.

Armatura
termine generico indicante, nella tecnica, una struttura resistente affiancata ad un manufatto o in esso incorporata, allo scopo di costituirne l'elemento resistente alle sollecitazioni derivanti dal peso proprio e/o da forze esterne.

Artigianato
forma di produzione di beni e di servizi su base individuale o familiare, e, per estensione, a ridotto numero di prestatori d'opera.

Autolivellante
proprietà di alcuni materiali da costruzione (per esempio malte e resine sintetiche fluide) consistente nella tendenza a formare una superficie liscia, piana e omogenea dopo l'applicazione; vengono utilizzati per la posa o la finitura di pavimenti o di superfici piane in genere.

torna all'inizio

Lettera B

Bocciardatura
trattamento mediante macchina dotata di utensili a percussione

Boiacca
impasto fluido di cemento o calce usato nella ripresa di getti in calcestruzzo; viene spalmato sui casseri per getti a vista e per otturare piccole fenditure in opere in cemento armato.

torna all'inizio

Lettera C

Calcestruzzocalcestruzzo
materiale da costruzione ottenuto mescolando materiali inerti (sabbia, ghiaia, pietrisco) con un legante (calce o cemento) in presenza di acqua.
Mentre è di scarso rilievo il calcestruzzo a base di calce, usato quasi esclusivamente come materiale di riempimento, ha invece grande importanza il calcestruzzo cementizio, specialmente se rinforzato con armature metalliche interne (calcestruzzo armato, più comunemente detto cemento armato), usato in ogni settore dell'edilizia e specialmente per strutture portanti, pavimentazioni stradali, coperture.

Carrabile
che può esser percorso da carri o veicoli in genere.

Carteggiatura
azione abrasiva con impiego di macchinario dotato di utensile utilizzante abrasivo a nastro o a disco, in carta o tela o pietra.

Catalisi
azione mediante la quale una sostanza, anche in dosi minime, accelera o ritarda la velocità di una reazione chimica, senza prendervi perte, per cui si trova inalterata alla fine della reazione.

Cemento
sostanza che interposta allo stato pastoso tra due superfici è capace, indurendosi, di tenerle saldamente unite.

Cemento armatocemento armato
nome con cui si indica comunemente il calcestruzzo cementizio armato, cioè un materiale da costruzione ottenuto inglobando nel conglomerato cementizio un'armatura metallica, generalmente costituita da barre d'acciaio dolce a sezione circolare (tondino), talvolta da profilati o da fili, allo scopo di conferire al manufatto un'alta resistenza alla trazione in aggiunta alla resistenza alla compressione propria del calcestruzzo.

Cemento armato precompresso
per ridurre al minimo il rischio di fessurazioni del calcestruzzo (dovute all'azione combinata del normale ritiro e delle sollecitazioni di trazione), che ne compromettono la resistenza, si può conferire al manufatto una compressione artificiale in fase di esecuzione, mediante inclusione nel calcestruzzo di fili d'acciaio in stato di tensione: quando il getto è parzialmente indurito e i fili non sono più in grado di scorrere, questi vengono recisi alle estremità, lasciando il manufatto in stato di compressione.

Conduttivo
atto a condurre il calore o l'elettricità.

Consolidamento
nella tecnica delle costruzioni, il consolidamento dei terreni è l'insieme delle operazioni atte ad aumentare la resistenza a compressione dei terreni di fondazione o a prevenire movimenti di dissesto di terreni franosi.

Cordoli
nelle costruzioni edilizie, elemento di collegamento orizzontale (detto anche "banchina di collegamento") in calcestruzzo (o cemento) armato, con funzione di raccordo e di distribuzione dei carichi sulla muratura.

Costipamento
operazione con la quale viene aumentata la compattezza di un terreno riducendo il volume degli spazi vuoti, sia manualmente che meccanicamente.

torna all'inizio

Lettera D

Decapaggio chimico
trattamento mediante opportuni agenti chimici atti a neutralizzare o eliminare particolari composti.

Decapaggio termico
trattamento generalmente localizzato con impiego di fiamma libera ad alta temperatura, al fine di eliminare per combustione tracce di olii, grassi o vecchie vernici, e per shock termico dello strato corticale del supporto.

Dilatazione termica
fenomeno fisico secondo cui il volume di un corpo varia al variare della temperatura.

torna all'inizio

Lettera E

Estere
composti chimici ottenuti dalla reazione fra un alcol e un acido organico o inorganico mediante un legame di natura covalente. La nomenclatura degli esteri deriva dagli acidi con desinenza -ato (per esempio, acetato di etile).

Lettera F

Fessurazione
formazione di discontinuità (fessure) nei pavimenti.

Fibra ottica
elemento cilindrico di vetro sottilissimo, trasparente, flessibile, utilizzato come guida di fasci luminosi; è detto anche guida di luce.
La fibra ottica è usata in fasci costituiti da un numero molto elevato di fibre ottiche parallele nelle quali la luce subisce una successione di riflessioni totali in numero estremamente elevato.

Fresatura
trattamento eseguito con attrezzature a tamburo rotante sull'asse orizzontale (a più alberi).

torna all'inizio

Lettera G

Graniglia
Materiale litoide costituito da elementi di dimensioni comprese tra i 3 e i 10 mm, ottenuti per frantumazione di pietrisco.

Giunti di contrazione
tagli realizzati meccanicamente nel calcestruzzo indurito, per favorirne le naturali contrazioni.

Giunti di dilatazione
tagli realizzati per favorire l'espansione dovuta ad escursione termica del calcestruzzo indurito (pavimento), oppure per consentire i movimenti dovuti a giunti strutturali.
Sono giunti realizzati a tutto spessore con una netta separazione a mezzo di materiale comprimibile.
Si devono far coincidere con i giunti di costruzione.

torna all'inizio

Lettera I

Idrolavaggio
trattamento mediante getto d'acqua ad alta pressione, eventualmente ad elevata temperatura, con o senza detergenti atti a favorire lo scioglimento di sostanze oleose, al fine di pulire in profondità il supporto.

Impermeabilizzazione
complesso di operazioni che servono a rendere impermeabile un materiale o una costruzione.
Negli edifici hanno particolare importanza l'impermeabilizzazione delle coperture piane (terrazze) e delle fondazioni.

Inerte
materiale componente le malte, i cementi e i calcestruzzi che non interviene chimicamente nel fenomeno di indurimento. È costituito da sabbia, ghiaia, ciottoli o, nel caso di calcestruzzi alleggeriti, da materiale espanso.

Iniezioni di resina
accorgimento tecnico per interventi di isolamento e di riparazione.
Per eseguire un'iniezione si spruzza a pressione una sostanza (calcestruzzo, resine ecc.) nella posizione dell'edificio prevista per l'intervento.
Come strumenti di lavoro vengono impiegate presse a mano, pompe a mano o a tubi con condotte e canne.
Per le alte pressioni si usano pompe a membrana o a stantuffo.
La tecnica delle iniezioni viene usata soprattutto per opere di risanamento, di manutenzione ed isolamento di edifici in calcestruzzo.

Irruvidimento
sono comprese in questo livello di preparazione, le operazioni che prevedono asporto superficiale di materiale facente parte del piano di posa, limitatamente ad uno spessore di 2 millimetri.
I trattamenti di irruvidimento possono essere abbinati a precedenti trattamenti di pulizia.

torna all'inizio

Lettera L

Lamatura
operazione di spianamento e levigazione di un pavimento in legno eseguita con una macchina che aziona, in fasi successive, lame spianatrici e dischi abrasivi di finezza gradualmente crescente.

Laminato
prodotto ottenuto mediante laminazione di materiali metallici o plastici diversi.
I laminati plastici sono prodotti commerciali ottenuti unendo tra loro due o più fogli sottili di materiali vari.

Legante epossidico
la resina epossidica è un prodotto a due componenti il cui complesso comprende: resina epossidica e indurente adatto.
La scelta dell'indurente può variare a seconda delle caratteristiche desiderate.

torna all'inizio

Lettera M

Malta
impasto plastico di acqua, sabbia e di un legante solido, usato per cementare assieme gli elementi di una muratura.
A seconda che l'azione della malta (presa) avvenga in presenza d'aria o anche in presenza d'acqua, le malte si distinguono in malte aeree e malte idrauliche.

Marmo
roccia calcarea, dura, cristallina, a grana per lo più uniforme.

Massetto
strato di conglomerato cementizio che ha la funzione di regolarizzare il piano di posa di un pavimento o di una struttura.

Molatura/Levigatura
trattamento mediante macchina a rotazione sull'asse verticale con piatto su cui sono posizionati utensili abrasivi.

Mosaico
decorazione di pavimenti, pareti, o soffitti, fatta con piccoli pezzi di marmo, pasta vitrea, madreperla, smalto di vario colore, disposti secondo motivi geometrici o figurati.

torna all'inizio

Lettera P

Palchetto
piccolo palco,in particolare l'asse posta orizzontalmente per reggere oggetti, in armadi, scaffalature, librerie, ecc.

Pallinatura
proiezione di inerti metallici mediante macchina con avanzamento regolabile, con recupero degli elementi abrasivi, separazione e raccolta del materiale di risulta.

Pianella
mattonella di spessore pari alla metà di un mattone comune, di cui mantiene le altre dimensioni, usata per pavimentazioni interne.

Picchiettatura
trattamento localizzato, manuale o meccanico, con impiego di attrezzi con azione battente.

Pietre
termine generico con cui si indicano minerali e rocce di varia origine, suscettibili di impieghi diversissimi.
Le rocce utilizzabili come materiali da costruzione sono comunemente indicate come pietre da costruzione, mentre quelle suscettibili di essere lucidate a scopo ornamentale sono definite genericamente marmi.
Minerali e rocce che presentino elevati requisiti di durezza e bellezza, tali da poter essere impiegati in gemmologia, sono indicati come pietre preziose.

Pigmento
composto o miscela di composti inorganici, per lo più insolubili in acqua, utilizzati nella preparazione di pitture protettive o decorative.

Plexiglas
Nome commerciale di un estere metacrilico lavorato per colata onde ottenere lastre e altri prodotti sostitutivi del vetro, infrangibili, di buona stabilità alla luce e al calore.

Pigmento
composto o miscela di composti inorganici, per lo più insolubili in acqua, utilizzati nella preparazione di pitture protettive o decorative.

torna all'inizio

Lettera R

Raschiatura
trattamento eseguito con attrezzatura a tamburo rotante sull'asse orizzontale (a più alberi) con utensile senza iserti di metallo duro e non distanziati.

Resina
sostanza termoindurente con elevate caratteristiche meccaniche ed elevata adesività.

Resine epossidiche
polimeri termoindurenti caratterizzati dalla presenza di almeno due gruppi epossidici per molecola in grado di essere reticolati.
I composti di partenza sono tra i più svariati, ma tutti provenienti dalla reazione di una sostanza portante gruppi ossidrilici e un'altra con gruppi epossidici; tra le prime risaltano il bisfenolo A, il resorcinolo, il glicerolo, e tra le seconde l'epicloridrina.
La fase di reticolazione è attuata per omopolimerizzazione tramite la reazione tra i gruppi funzionali epossidici, catalizzata da ammine terziarie, o per cross-link tramite reazione tra i gruppi epossidici e ammine primarie o secondarie. Alla massa di reazione sono sempre additivati modificanti per impartirne particolari proprietà: composti di cloro e bromo per l'antinfiammabilità; polivinilformale per aumentarne le proprietà adesive; polimeri polisulfurici per aumentarne la flessibilità; diluenti vari (olio di pino, dibutilftalato) per diminuire la viscosità della massa prima della reticolazione; caricanti (silicato di alluminio e di magnesio, silice, mica, quarzo) per diminuirne il costo.
Le resine epossidiche presentano elevatissima resistenza alle basse temperature (fino a -55 °C) e all'acqua, discreta resistenza agli acidi, scarsa infiammabilità, elevato potere adesivo, ottimo isolamento elettrico. Sono usate per vernici e adesivi, rivestimenti di materiali metallici, stampaggio di pezzi con inserti di componenti elettronici.

Resina poliuretanica
resina epossidica termoindurente per poliaddizione è un formulato a due componenti: resina epossidica e indurente adatto.

Resine termoindurenti
resine che possono essere trasformate in un prodotto essenzialmente non fusibile e solubile allorchè viene trattato a caldo o attraverso altri mezzi quali reazione con un catalizzatore, ecc.

Resine termoplastiche
resine susciettibili di rammollimento per riscaldamento in modo reversibile e senza trasformazioni chimiche.

Restauro
procedimento per la conservazione o il recupero della condizione originaria di un'opera d'arte deteriorata dal tempo, da agenti atmosferici o da manomissioni.

Ripristino
nelle costruzioni, in senso stretto, aspetto del restauro relativo all' eliminazione di aggiunte strutturali od ornamentali non coerenti con i caratteri stilistico-architettonici di un monumento.
Più in generale, insieme delle operazioni intese a rendere un edificio o parti di esso consone ai loro caratteri fondamentali, non solo stilistici ma anche funzionali, riproponendone una destinazione affine a quella originaria.
In questo senso il ripristino si estende alla scala operativa dell' urbanistica come strumento fondamentale per il recupero e la valorizzazione dei centri storici.

Rivestimento
strato di materiale (intonaco, piastrelle ceramiche, mattoni, lastre di marmo, legno, mosaico, ecc.) applicato sulla superficie di un edificio allo scopo di consolidarla, di proteggerla, di ornarla, o di mascherare una giunzione tra due elementi.

torna all'inizio

Lettera S

Sabbiatura
proiezione di inerti silicei o metallici mediante getto d'aria in pressione diretto manualmente sulla seperficie.

Serbatoio
recipiente per contenere la benzina o la miscela necessaria al funzionamento di motori a scoppio per automobili o motociclette.

torna all'inizio

Lettera T

Traveapprofondimento trave
nella tecnica delle costruzioni, elemento strutturale con una dimensione prevalente rispetto alle altre, di norma con sezione costante e asse rettilineo.

torna all'inizio

Lettera V

Velodromo
pista a tracciato ellittico o circolare, con curve rialzate verso l'esterno, in cemento, asfalto o legno, coperta o all'aperto, destinata a gare di ciclismo.